Mood del giorno: poker face

Alessandra Brusegan #15JobsChallenge

Mettermi alla prova in tutti i contesti che ho esplorato finora nella #15JobsChallenge mi ha permesso di osservarmi tanto, a fondo, in modo continuo e sempre vigile e di notare tutti i miei modelli di comportamento automatici e innati. E da questa consapevolezza emerge, quasi sempre, la mia (proverbiale) attitudine a ridere e sorridere.

Sì, rido rumorosamente e sorrido spessissimo, quasi sempre. Lo faccio in modo istintivo, è vero, ma devo ammettere che è uno strumento utile qualche volta: per rafforzare le relazioni, per esempio, ma anche per ottenere informazioni, per farmi aiutare e per superare gli errori o gli imprevisti.

Ma non è sempre utile. Si dice che un sorriso apra tutte le porte, ma non è vero.

Io lo sospetto da un po’… per esempio, sento che sorridere qualche volta mi fa sembrare meno affidabile, meno autorevole. Il sorriso addolcisce ciò che dico e gli fa perdere un po’ di tono.

Lo sto provando sulla mia pelle e ora ho anche una conferma molto qualificata!

È uno studio citato da Seth Spethens-Davidowitz (genio) nel suo ultimo Don’t trust your gut. Racconta di una ricerca svolta su un enorme set di dati: 99.451 vendite su Amazon Live che (l’ho scoperto anche io la settimana scorsa) è un servizio che consente a chi vende di proporre con un video i suoi prodotti ai potenziali clienti, tipo televendita on demand). Dunque, ai ricercatori sono stati forniti:

  • video di ogni presentazione di vendita
  • i dati sulla quantità di prodotto venduto in seguito 
  • info sul prodotto (prezzo e eventuale spedizione gratuita).

I ricercatori hanno convertito i 62.320.000 di fotogrammi di video e l’intelligenza artificiale ha codificato le espressioni emotive dei venditori durante il video, per poi metterle in correlazione con il resto. E il risultato è davvero super.

I ricercatori hanno scoperto che le emozioni del venditore sono un importante fattore di previsione della quantità di prodotto venduto. 

Le emozioni negative vendono meno. Ma questo lo sapevamo. Ma anche quelle positive vendono meno: la gioia e l’entusiasmo, per esempio, abbassano le conversioni.

Al contrario, se si limita il proprio coinvolgimento e si mantiene un’espressione da poker face, le vendite aumentano più che con la spedizione gratuita!!!

Wow. 

Ricomincio da qui.

⇐⇐⇐LEGGI ARTICOLO PRECEDENTE ⇐⇐⇐

➜➜➜LEGGI ARTICOLO SUCCESSIVO ➜➜➜

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *