Sono una dilettante!

Alessandra Brusegan #15JobsChallenge

Dilettante, etimologicamente, è chi si dedica a qualcosa per diletto e senza scopo di lucro, non per professione ma per piacere proprio.

Nella realtà, però, dilettante ha significati diversi e anche diverse accezioni, a seconda dei contesti. 

In alcuni ambiti essere un dilettante porta con sé un’aura di incompletezza, di incompetenza, come la condizione di chi è (e sa di essere) mediocre in quello che fa. Nell’arte per esempio: “una pittrice dilettante”, “un musicista dilettante” sembrano aggettivi per descrivere qualcuno che non ha le carte per diventare professionista. E in questi casi appare come una condizione di “arrivo”, nel senso che difficilmente ci si aspetta che il dilettante superi quello stadio per diventare qualcosa di più.

Al contrario, ci sono ambiti, come per esempio nello sport, in cui essere un dilettante è considerata più una condizione di “partenza”, un passaggio obbligato prima di diventare professionista. Quasi sempre il Campionato Dilettanti è la porta di accesso al Campionato Professionistico.

Da quando ho avviato la #15JobsChallenge so di sembrare una dilettante: 1. cerco solo lavori/task in ambiti e settori in cui non ho mai lavorato, 2. mi accosto a queste esperienze con umiltà, senza pretese e senza qualifiche da spendere, 3. ho molto da imparare e migliaia di limiti da superare.

Ma la mia non è né una condizione di partenza, né di arrivo. 

Essere una dilettante, per me è proprio un mood e non lo cambierò: ho avviato questo progetto per diletto, nel senso che mi diletto da morire a mettermi in difficoltà, lo faccio anche quando non c’è nessuno a guardarmi!

Ricerca dei prossimi #jobs

In queste settimane sto cercando, trattando e pianificando i prossimi lavori e, ogni volta, mi sento chiedere: “Dottoressa Brusegan, che esperienza ha in quest’ambito?”.

“Nessuna!! L’obiettivo è di mettermi alla prova in lavori che non ho mai svolto e in settori che non conosco. Voglio imparare!”

Qualcuno ammutolisce a questa affermazione e mi liquida dicendo che, purtroppo, per la posizione è richiesto un minimo di esperienza. Arrivederci!

Qualcun altro, invece, si illumina e coglie la sfida perché si accorge che, benchè io sia una dilettante, non sono mediocre. Ho molto da offrire sia in termini di energia e impegno, sia di diversità di pensiero, di esperienze e di punti di vista. 

⇐⇐⇐LEGGI ARTICOLO PRECEDENTE ⇐⇐⇐

➜➜➜LEGGI ARTICOLO SUCCESSIVO ➜➜➜

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.